Le Storie. Libro II L’Egitto. Erodoto. Lorenzo Valla, 1989.

27,00

Solo 1 pezzi disponibili

COD: 17858 Categoria: Tag:

Descrizione

Lorenzo Valla/Arnoldo Mondadori (Scrittori greci e latini); 1989; 9788804323747; Rilegato con sovracoperta; 20 x 13,5 cm; pp. 408; A cura di Alan B. Lloyd, traduz. A. Franceschetti. Testo greco a fronte ; minimi segni d’uso alla sovracopertina, interno ottimo; Molto buono (come da foto). ;Il secondo libro delle Storie di Erodoto commentato da Alan B. Lloyd e tradotto con intelligente eleganza da Augusto Fraschetti è dedicato all’Egitto. Erodoto fu sulle rive del Nilo tra il 449 e il 430 a.C.: visitò Pelusio, Bubastis, Sais, Eliopoli, Chemmis, Tebe, Menfi, Elefantina; come informatori, ebbe sia discendenti degli Egiziani che avevano appreso il greco dagli loni, sia sacerdoti d’alto rango. Da un lato, la civiltà egizia è, per lui, quella più antica, religiosa e saggia: la civiltà che ha fondato il tempo e nominato gli dei; dall’altro, è quella più strana dove tutte le cose sono capovolte rispetto al mondo greco. Con la sua infinita amabilità e la sua scrupolosa competenza, Erodoto parla di tutto: gli oracoli, i sacrifici, i gatti, i coccodrilli, la fenice, i serpenti alati, le profezie, la medicina, l’imbalsamazione, i pesci, le zanzare, i labirinti, il Nilo, gli dei, le inondazioni, i santuari, i sacerdoti, i prodigi, Elena di Sparta, Sesostri, le piramidi, Micerino, gli Etiopi, gli abiti, Psammetico, Amasi. Nel primo libro, Erodoto ci aveva mostrato le sue qualità di complicato e variegato narratore. Qui trionfa il suo talento di etnologo: l’Egitto è il più bel testo di etnologia che sia mai stato scritto. Ma Erodoto non sarebbe Erodoto se si dimenticasse di raccontare. La storia di Elena, quella di Micerino e quella dei ladri di Rampsinito sono tra le sue novelle più straordinarie: intrecciate con arte raffinatissima al corpus etnologico, evocano un delizioso sapore d’Oriente. Il moralista, infine, si affida alla storia di Amasi. Secondo il modello del faraone Amasi, che la mattina curava gli affari politici e poi si divertiva, il nostro arco psicologico-morale non deve essere mai troppo teso: altrimenti, cadiamo preda delle furie. Ciò che conta, nella vita come nella letteratura, è soprattutto l’arte della variazione. ; L’immagine se disponibile, corrisponde alla copia in vendita.