Processo e morte di Gesù. Un punto di vista ebraico. Cohn Chaim. Einaudi, 2000.

42,75

Solo 1 pezzi disponibili

COD: 12377 Categoria: Tag:

Descrizione

Einaudi (Biblioteca di cultura storica No. 228); 2000; 9788806156350; Rilegato con titoli al dorso, sovracoperta ; 21,5 x 16 cm; pp. XXXV-442; A cura di Gustavo Zagrebelsky. Traduzione di Gustavo Zagrebelsky. ; Presenta leggeri segni d’uso ai bordi (senza mancanze), imperfezioniai bordi della sovracoperta, interno senza scritte ; Buono (come da foto). ; Secondo l’idea che l’ortodossia cristiana ha accolto, Gesù di Nazareth fu condannato a morte e crocifisso dal governatore romano della Giudea che, tuttavia era convinto della sua innocenza. Le narrazioni evangeliche dimostrerebbero che Pilato non fu libero di giudicare secondo scienza e coscienza. Egli agì in stato di necessità, sotto la pressione del sinedrio che aveva organizzato un complotto contro Gesù e aizzato il popolo per farlo morire. L’autorità romana fu il braccio secolare dell’autorità ebraica. L’analisi puntigliosa e spregiudicata delle fonti, esito di decenni di ricerche, conduce l’autore a conclusioni del tutto diverse: la morte di Gesù fu responsabilità esclusiva dei romani che lo condannarono per sedizione; gli ebrei – capi sacerdoti, anziani, farisei, dottori della legge, gente comune – non svolsero né avrebbero potuto svolgere parte alcuna nel processo romano, né per accusare Gesù né per costringere Pilato a condannarlo. Solo nei decenni successivi agli avvenimenti, in una situazione politica mutata, la vicenda venne ricostruita e narrata nei Vangeli in modo tale che Pilato potesse essere assolto, trasferendone la responsabilità agli ebrei.; ATTENZIONE! Spedizione tracciabile entro 24 ore lavorative. Il libro sarà accompagnato dallo scontrino, chi volesse la fattura deve comunicare i dati completi al momento dell’ordine. Contatti: 0118390381.