Musica ex machina. Fred k. Priebrg. Einaudi, 1975.

13,80

Solo 1 pezzi disponibili

COD: 16818 Categoria: Tag:

Descrizione

Einaudi (Reprints 57); 1975; Noisbn ; Copertina flessibile ; 19,5 x 12,5 cm; pp. 311; Traduzione di P. Tonini. ; leggeri segni d’uso alla copertina, interno ottimo; Buono (come da foto). ; Questo studio, dovuto ad un critico berlinese noto per il lavoro d’indagine svolto nel campo della musica contemporanea, non è soltanto una completa rassegna della moderna musica elettronica, ma anche un’analisi, condotta con particolare sensibilità storica e con ampiezza di riferimenti culturali, del nascere e dell’affermarsi negli ultimi cinquant’anni di un nuovo linguaggio musicale. Nell’età in cui viviamo – osserva Prieberg – la tecnica invecchia precocemente e l’uomo si trova con frequenza via via crescente di fronte al problema del proprio rinnovamento spirituale e artistico. Le armonie e i contrasti tra uomo e macchina (che già affascinarono scrittori come Swift, Goethe, Kleist e Villiers de l’Isle-Adam) si traducono nell’esigenza di poter cogliere il germinare di un mondo nuovo con i mezzi piú adeguati. Ai primi tentativi di riprodurre in sede musicale i suoni e i rumori quotidiani per creare un “diretto accenno all’azion”, alla vita vera e propria, segue cosí la nascita di effetti artistici totalmente autonomi, ottenuti elettronicamente, che svelano toni mai sentiti ed inattese possibilità ritmiche. La rassegna svolta da Prieberg dedica larga parte al ritratto umano dei pionieri della nuova musica e ne sottolinea “il movimento aggressivo, l’insonnia febbricitant”. Essa non si limita alle sole avanguardie musicali, ma giunge a ritrarre un ambiente culturale che, pur nelle differenti forme espressive, si prefigge l’identico fine di “sfondare le porte misteriose dell’impossibile”. In quest’ambito, acquistano un particolare interesse le pagine in cui Prieberg segue lo sviluppo dei germi futuristi, da daisti e bruitisti negli autori italiani, da Russolo a Berio a Maderna, ritratti nella pratica quotidiana della loro arte. ; L’immagine se disponibile, corrisponde alla copia in vendita.