Lo specchio. Rivelazioni, inganni e science-fiction. Baltrusaitis Jurgis. Adelphi, 1981.

47,50

Solo 1 pezzi disponibili

COD: 12531 Categoria: Tag: , ,

Descrizione

Adelphi; 1981; Noisbn ; Rilegato con sovracoperta; 28 x 22 cm; pp. 328; Traduzione di Pizzorusso Claudio. Prima edizione. Volume riccamente illustrato in b./n. ; segni d’uso ai bordi della sovraccopertina, interno buono, volume lievemente brunito; Accettabile (come da foto). ; Scienza dello specchio, la catottrica non è soltanto una scienza delle riproduzioni esatte della realtà, è anche scienza di un surrealismo visionario. Fin dall’antichità, a queste dimostrazioni ottiche furono consacrati apparecchi speciali e musei interi. Spettacoli fantastici, metamorfosi dell’uomo, fantasmi, racconti e favole nascono intorno a queste macchine e alle proposizioni di Euclide che ne regolano il funzionamento. Gli specchi si rivelano ovunque: la luna, il sole, la nuvola, l’aria stessa diventano un gabinetto di specchi cosmico. Concentrata, moltiplicata, l’immagine del sole accende il fuoco: da Archimede a Buffon e da Buffon ai forni solari di oggi, lo specchio ustorio si sviluppa continuamente fino a raggiungere risultati imprevedibili e clamorosi. Nel Medioevo lo strumento oracolare mitologico è abitato dal demonio. Il Rinascimento e, poi, i tempi moderni si ricollegano a questa duplice tradizione, antica e medioevale. Filosofi, eruditi e poeti hanno scrutato, affascinati, l’iridescente superficie levigata. Questa opera presenta lo specchio, oggetto della scienza esatta e luogo di elezione di ogni fantasia, nei suoi aspetti morfologici e nei suoi sviluppi molteplici, ma è anche una antologia di testi rari che, come i pezzi di un puzzle, a poco a poco si incastrano a comporre un vasto panorama poetico e scientifico. ;