Il segreto dei Veda (2 volumi). Sri Aurobindo. Aria Nuova, 2005.

43,20

Solo 1 pezzi disponibili

Descrizione

Aria Nuova (Eurasia.); 2005; 8890104910, 8890104929 ; 2 vol. Copertina flessibile; 21 x 15,5 cm; pp. 320, 398 ; A cura di Aria Nuova. ; Presenta leggeri segni d’uso ai bordi (senza mancanze nè lacerazioni), interno senza scritte; Buono, (come da foto). ; Volume I. La collana Eurasia è nata con l’intento di contribuire a approfondire la conoscenza delle nostre vere radici indoeuropee. Pertanto, nessun libro poteva iniziare meglio la serie di questo magistrale saggio sul piú antico documento esistente della grande civiltà euroasiatica: il Rg Veda. Sri Aurobindo, moderno Rsi, mette in luce il vero segreto della poesia rigvedica, offrendoci una nuova chiave di lettura psicologica e spirituale. In queste pagine troviamo, inoltre, suggestivi spunti di ricerca per rintracciare talune semenze vediche nella letteratura fiorita in tradizioni posteriori quali quella vedantica indiana o la mitologia greca. E soprattutto, nel misticismo rigvedico possiamo trovare alcuni elementi fondamentali per il futuro dell’uomo. «Una volta interamente riscoperto, si troverà che il segreto nascosto nei Veda formula quella conoscenza e pratica della vita divina verso cui la marcia dell’umanità, dopo lunghe peregrinazioni nella soddisfazione dell’intelletto e dei sensi, deve inevitabilmente ritornare ed è proprio nell’epoca attuale, negli slanci delle sue avanguardie, che si può ravvisare la tendenza crescente, per ora vaga e cieca, di ritornarvi» Sri Aurobindo. volume II. In queste pagine troviamo, inoltre, suggestivi spunti di ricerca per rintracciare talune semenze vediche nella letteratura fiorita in tradizioni posteriori nell’intera area indoeuropea. «All’origine di tutte le tradizioni umane sussiste il ricordo del passato: Indra e il serpente Vrtra, Apollo e il Pitone, Thor e i Giganti, Sigurd e Fafner, e gli dei della mitologia celtica in reciproca lotta; ma è nel Veda che troviamo la chiave di queste immagini che nascondono la speranza o la saggezza di una umanità preistorica» – Sri Aurobindo. «I Veda sono stati scritti da persone che avevano ancora il ricordo di una certa esperienza radicale, un’esperienza che è avvenuta senz’altro sulla terra in un dato momento, come anticipazione di una realizzazione futura» Mère.; L’immagine se disponibile, corrisponde alla copia in vendita.