Il comunista in camicia nera. Nicola Bombacci tra Lenin e Mussolini. Petacco Arrigo. Mondadori, 1996.

13,50

Solo 1 pezzi disponibili

COD: 14195 Categoria: Tag: ,

Descrizione

Mondadori (Le Scie); 1996; 9788804403050; Rilegato con sovracoperta; 22,5 x 15 cm; pp. 231; Prima edizione ; minimi segni d’uso alla sovracopertina, interno ottimo; Molto buono (come da foto). ; Romagnolo e maestro di scuola come Mussolini, Bombacci inizia la sua carriera politica come socialista di sinistra e partecipa alla famosa scissione di Livorno del 1921, da cui ha origine il Partito Comunista Italiano. Riparato in Russia, dopo l’avvento del fascismo, conosce Lenin e Stalin. Tornato in Italia alla fine degli anni 20 si distanzia dal Partito Comunista ormai clandestino senza per questo diventare fascista. Mussolini non solo non lo perseguita, ma in qualche modo lo aiuta a stampare un giornale anticomunista. Nel 1943 raggiunge Mussolini a Salò e insieme a lui sogna di tornare alle origini socialiste del fascismo, scrivendo la Costituzione della RSI. Catturato dai partigiani a Dongo a fianco del Duce, viene giustiziato e muore con lui.; ATTENZIONE! Spedizione tracciabile entro 24 ore lavorative. Il libro sarà accompagnato dallo scontrino, chi volesse la fattura deve comunicare i dati completi al momento dell’ordine. Contatti: 0118390381.